sabato 22 marzo 2014

Kizumonogatari - 008 [novel ita]



Current Mood: distrutta
Listening to: --



Cieow~
Vorrei scrivere tante cose per spiegare il perché io ci abbia messo così tanto a tradurre questo capitolo, ma quello che vi serve sapere è che è stato peggio di un parto gemellare, non so perché. Sarà stata la lunghezza, sarà che io sono particolarmente stanca e stressata in questo periodo, fatto sta che non aggiornavo da due mesi, ugh. Chiedo perdono. Il punto è che il capitolo l'ho iniziato a tradurre un mese fa, ma ci ho messo solo tre pomeriggi a tradurlo. Quindi ho fatto un mese di cazzeggio [non è vero, avevo gli esami] a febbraio e un altro mese di cazzeggio [non è vero, sono successe ~~cose~~] a marzo. Ripeto, ugh. Va beh, l'importante è che io abbia aggiornato, no? Meglio tardi che mai, dicono. #winkwonk 
Ah, notizia fresca fresca, l'anime di Hanamonogatari verrà trasmesso dal 31 maggio di quest'anno, per un totale di 5 episodi! 
Alla prossima!


007

Kizumonogatari - 008

Quando si tratta di esorcizzare un vampiro, non si sceglie un momento e un luogo precisi.
Ignorando tempo, luogo o situazione, trovare un vampiro e poi esorcizzarlo, beh, questo è il loro modo di portare a termine le cose—ad ogni modo, se loro decidessero di eseguire una procedura come questa, fastidiosa oltre ogni immaginazione in teoria ed estremamente pericolosa in pratica in questa cittadina di campagna del super-moderno Giappone, sarebbe davvero di pessimo gusto.
La mediazione tra noi e loro
Aspettandosi che accadesse il peggio, non stupisce che Oshino abbia scelto un campo di battaglia deserto, in modo che nessuno si sarebbe accorto nemmeno se lì c’era stato un combattimento.
Il campo sportivo scolastico, ripensandoci, forse non era stata una scelta così azzardata.
Un edificio scolastico, di notte, è una sorta di punto cieco.
È un luogo talmente rumoroso durante il giorno, eppure, quando cala la notte, si trasforma—a quel punto, nessuno si trova nei paraggi. Senza dubbio è il più adatto quando si tratta di luoghi per l’esorcismo di un vampiro.
Ovviamente, non si può entrare negli edifici scolastici.
Siccome è un edificio che possiede stanze che potrebbero venire danneggiate da ladri e sciacalli, come ad esempio la sala insegnanti o l’ufficio del preside, è naturale che sia tenuto sotto controllo da un custode o protetto da un qualche allarme.
Comunque—se semplicemente si scavalca il cancello, si può entrare nel campo sportivo.
Quindi.
Se si fa alla svelta—non ci saranno nemmeno dei testimoni.
È davvero un buon campo di battaglia.

“…….Ma perché proprio il Liceo Naoetsu?”
“Perché è la scuola che frequenti tu.”
Oshino rispose così alla mia domanda.
“No, quello che sto chiedendo è perché hai scelto il campo sportivo del mio liceo—beh, dato che la mia scuola si trova in un luogo separato dalle altre case, in effetti potrebbe essere un posto adatto per ospitare una battaglia, ma comunque, come posso dire, per me sarà più difficile.”
“Difficile? Non lo sarà. Casomai sarà più facile.”
Oshino agitò l’indice.
“Per te sarà più facile affrontarlo lì, Araragi-kun. Il tuo avversario è un esorcista specializzato in vampiri, mentre tu sei da poco diventato uno di loro e stai per combattere contro di lui—non è meglio avere almeno il vantaggio del terreno di combattimento dalla tua?”
“Del sangue finto? Non so come utilizzare un trucco del genere. Le tempere funzionano ugualmente?”1
Vantaggio del terreno, ho detto.”
Perché se così non fosse, la lotta sarebbe imparziale.
Sarebbe come arrendersi fin dal principio—dichiarò Oshino.
Beh, capisco il ragionamento e tutto il resto—ma resta il fatto che, come pensavo già, affrontare un’anomalia del genere nella zona della mia scuola non è molto allettante………
Beh, chi se ne importa.
Ricapitolando—sembra davvero School Psychic Battle.2

“…….Ciao, sei qui da molto?”
Per una qualche strana ragione, mi sfuggì di bocca un saluto così idiota.
È solo che, siccome l’altra persona era arrivata qui prima, anche se io non ero in ritardo, non potei fare a meno di dire così.
Al centro del campo sportivo—un energumeno gigantesco era seduto con le gambe incrociate.
La bocca e gli occhi chiusi, come se stesse meditando.
Reagendo al suono della mia voce, lui—Dramaturgie disse “?????”.
Beh, non ho capito cos’ha detto.
Ma poi,
“…..Ah, nella lingua locale sarebbe—‘già’.”
Disse così e poi si alzò.
È davvero enorme……sembra quasi che possa inzuccarsi contro la luna se non sta attento.
Eh……..?
Non ha con sé le flamberge, le sue spade ondulate?
Lasciamo perdere il fatto che normalmente ne ha due, ma non ne ha portata nemmeno una?
Cosa?
“Non fraintendermi—fratello.”
Anche se non ero ancora completamente sicuro che il mio avversario fosse davvero disarmato, Dramaturgie, in un giapponese assolutamente fluente, si confidò con me.
“Non sono venuto qui per esorcizzarti.”
“…………….”
Cosa sta dicendo?
Automaticamente, mi misi in posizione di difesa.
Riesaminai nella mia mente l’indice della rivista “Aikido per Negati” che avevo lasciato nella borsina fuori dal cancello. Una tecnica da poter usare in un combattimento vero e proprio…eeehm.
Mentre stavo pensando, Dramaturgie ripeté una frase che aveva lo stesso significato.
“Quell’uomo—sono venuto acconsentendo alle richieste di quell’uomo dalla parlantina fin troppo melliflua, ma non perché voglio esorcizzarti.”
“Se non sei venuto per uccidermi—allora perché sei qui?”
Uomo dalla parlantina fin troppo melliflua.
Indubbiamente sta parlando di Oshino—come pensavo, anche i nostri nemici lo trovano poco convincente…..
“Voglio che passi dalla mia parte.”
Dramaturgie parlò francamente.
Senza seguire le normali regole di conversazione, andò subito dritto al punto.
“Te lo sto chiedendo. Non ti andrebbe di divertirti nella caccia ai vampiri—come me?”
“……Non capisco quello che vuoi dire.”
Risposi bluffando a quell’inaspettata svolta.
“L’ultima volta ti sei lanciato su di me cercando di tagliarmi in due senza lasciarmi il tempo di emettere fiato—e ora…cosa stai dicendo?”
“Quella volta erano presenti Episode e Guillotinecutter. Dinnanzi a quei due ero impossibilitato a farti una proposta del genere. Ad ogni modo, una rarità come il subordinato di Heart-Under-Blade, il vampiro dal sangue di ferro, dal sangue bollente, dal sangue freddo—sarebbe triste se venissi ucciso.”
“Se diventassi un tuo compagno,” chiesi, “mi restituirai la gamba destra di Kiss-Shot? È una proposta di questo tipo?”
“……Hai un bel fegato a chiamare quella donna ‘Kiss-Shot’, ma non hai indovinato. Uccidere Heart-Under-Blade sarebbe il tuo primo incarico.”
“……..Allora rifiuto.”
È assolutamente fuori questione.
Il punto è che voglio tornare ad essere un umano—non c’è modo che io diventi un vampiro fratricida.
Dovresti scegliere parole su misura adatte al tuo interlocutore.
“Capisco. È davvero un peccato. Davvero increscioso. Ora come ora ho 53 fratelli—credevo che il controllo del tuo padrone fosse ancora debole, quindi pensavo che fossi adatto a diventare un nostro compagno.”
Il controllo è debole?
È così, vero?
Kiss-Shot non mi ha—non mi ha trasformato in un suo tirapiedi, uno schiavo, giusto?
“53 è comunque un gran bel numero. Esistono davvero così tanti vampiri fratricidi? –ora capisco quello che intendeva Kiss-Shot. Beh comunque, se accettassi la tua proposta, diventerei il cinquantaquattresimo.”
“Oh, no. Diventeresti il numero uno, all’istante,” disse Dramaturgie senza cambiare espressione facciale.
“A proposito, ora sono io il numero uno.”
“……Mmh.”
L’avevo pensato fin dall’inizio che non mi trovavo di fronte ad una persona comune.
Non sono per nulla sorpreso.
Siccome mi sembra il tipo di vampiro entusiasta di uccidere altri vampiri—Kiss-Shot è stata davvero fantastica a sopravvivere.
Il vampiro dal sangue di ferro, dal sangue bollente, dal sangue freddo.
La Sterminanomalie.
Appunto.
“Paradossalmente, ti devo ringraziare per aver provato a rendermi un tuo compare, ma—la prossima volta prova ad usare parole più convincenti. Non riusciresti a sedurre nemmeno una donna in quel modo.”
Con in mente l’immagine di Oshino, non so perché ma dissi una cosa totalmente insensata e fuori luogo.
Solo, mi sembrava un momento in cui dovevo mettermi in mostra.
“Capisco.”
La risposta di Dramaturgie era sorprendentemente neutrale.
Era stato un fallimento.
Per essere precisi, era stato imbarazzante.
……Comunque, questa è la mia chance.
Forse, per cercare di persuadermi, Dramaturgie aveva lasciato le lunghe spade ondulate da qualche altra parte.
Non importava quanto cercassi di ficcarmi in testa che il mio corpo era immortale, gli oggetti affilati e taglienti mi facevano ancora istintivamente paura—questo sviluppo inaspettato, giusto per essere chiari, mi era di grande aiuto.
Forse la cosa che aveva tagliato la gamba destra di Kiss-Shot era—
Era proprio una delle spade di Dramaturgie.
Tra tutti gli arti tagliati, l’unica ferita senza imperfezioni—pulita, era quella alla gamba destra.
Con quelle spade fornite di una lama ondulata, lasciare un taglio netto e preciso come quello, al contrario, sembrava piuttosto difficile—comunque, se Dramaturgie non ha con sé quelle spade, devo vederla come una buona opportunità.
Il vento sta soffiando nella mia direzione—forse.
“Allora suvvia, diamo inizio alle danze—miserabile ragazzo. Subordinato di Heart-Under-Blade. Non dovremmo metterci molto, no?”
“Aspetta, prima mettiamo in chiaro i patti,” dissi a Dramaturgie che aveva già iniziato a roteare un braccio.
“Temo che potrebbero esserci delle discrepanze tra i reciproci termini di contratto.”
“D’accordo. Mettiamo in chiaro i patti.”
“Se dovessi vincere—mi darai la gamba destra di Kiss-Shot, per te va bene?”
“Se vinco io, mi dirai dove si trova Heart-Under-Blade?”
“Sì, va bene.”
“Va bene anche a me.”
Quindi, iniziamo.
Dicevo—il suo braccio stava roteando.
Il colpo di Dramaturgie era indirizzato a me.
Era di una velocità inaspettata per un corpo enorme come il suo—caricandolo con tutto il corpo, era un pugno come quello dei lottatori professionisti di boxe.
Riesco a vederlo.
Con i miei occhi da vampiro, riesco a vederlo.
Nonostante tutto—anche se riesco a vederlo, non posso fermarlo, né pararlo.
“Au….ugh.”
L’istante successivo—il mio braccio sinistro volò.
Non l’aveva rotto né strappato via.
Per l’impatto con il pugno di Dramaturgie, si era semplicemente polverizzato.
“Ah….aaaaaaaaaah!?”
Il problema non era il dolore.
Tutto ad un tratto, la paura invase il mio corpo.
Il mio corpo—un quinto del mio corpo, era praticamente scomparso?!
Io—di riflesso.
Di riflesso e poi seguendo l’istinto—
Scappai lontano da Dramaturgie.
Però, sembra proprio che dopo soli due passi inciampai nei miei stessi piedi e collassai sul posto—ma fu un bene, perché lo spazio in cui prima si trovava la mia testa pochi istanti prima, fu attraversato da un altro pugno enorme, ad una velocità spaventosamente allucinante.
Con la mia mano sinistra sul terreno, in qualche modo evitai di crollare completamente a terra.
I pensieri mi si affollavano in testa—mano sinistra?
Cosa?
Il braccio sinistro che avrebbe dovuto essere polverizzato—era di nuovo al suo posto?
“……………..!”
I poteri—rigenerativi dei vampiri!
È davvero così istantaneo?
La rigenerazione non si era spinta al ricreare il tessuto della manica che era stata distrutta insieme al braccio sinistro—ma proprio perché aveva lasciato il braccio nudo, il potere rigenerativo della carne dei vampiri era ancora più evidente.
Mi ero dato la pena di confermare cose come la forza fisica, ma ovviamente non avevo testato il potere di guarigione istantanea—perciò la mia sorpresa in quel momento era assoluta. Comunque, se avessi avuto tempo di riflettere, avrei potuto pensare a quella volta all’inizio, l’inferno in terra di quando mi ero esposto alla luce solare—e questi poteri rigenerativi non mi sarebbero sembrati poi così tanto strani.
“Che succede? Stai scappando! Subordinato di Heart-Under-Blade!”
“………Non chiamarmi in un modo così assurdo!”
Vedendo il mio braccio sinistro completamente rigenerato, mi calmai.
Persino il terrore di poco prima svanì da qualche parte—esatto.
Va tutto bene.
Il mio avversario è un mostro—ma ora sono un mostro anch’io.
Di cosa dovrei aver paura?
“WOOOOH!”
Urlai—mentre mi tiravo su con un salto all’indietro.3
Come pensavo, la mia agilità era aumentata.
E io che pensavo che cose come un backflip, senza utilizzare almeno un trampolino o al massimo avere un buon controllo del proprio baricentro, sarebbe stato impossibile per uno come me—e invece.
Mi irrigidii e per la prima volta affrontai deciso Dramaturgie.
“Ooh. Sembri risoluto questa volta.”
“È tutto grazie a te—per questo ti perdono per avermi distrutto i vestiti.”
Mentre parlo, penso.
Dramaturgie.
Un vampiro che uccide altri vampiri.
Kiss-Shot aveva detto che sarebbe stato un bene conoscere fin da subito le speciali caratteristiche dei vampiri—speciali caratteristiche…se ricordo correttamente—
Sono deboli contro la luce del sole. Non amano le croci. Non amano le pallottole d’argento. Non amano l’acqua santa. Non amano l’aglio. Non amano il veleno. Muoiono quando il loro cuore viene trapassato da un paletto. Sono questi i loro punti deboli? Oltretutto, parlando di abilità speciali…beh, terra terra, succhiano il sangue, più che altro per recuperare energie. Non hanno ombra e non si riflettono negli specchi.
Di sicuro Dramaturgie—che è ora illuminato dalla luna, non proietta alcun’ombra.
Lo stesso vale per me.
Denti canini—o forse dovrei dire zanne.
Siccome il mio avversario Dramaturgie ha spesso la bocca chiusa in una linea dritta, non mi ero potuto accertare di questo particolare.
Poi—immortalità?
Poteri rigenerativi vicini all’infinito?
Occhi che vedono perfettamente anche nella più completa oscurità?
E poi, il potere di trasformare il proprio corpo in cose tipo nebbia o oscurità e il potere curativo nel sangue di un vampiro, immagino—comunque, sono arrivato alla conclusione che non ha senso stare qui a riflettere su tutto questo.
Non ho intenzione di disdegnare il consiglio di Kiss-Shot, ma—siccome siamo entrambi dei vampiri, per quanto riguarda punti di forza e punti deboli, tutto sommato credo che siamo alla pari.
Io sono immortale, lui è immortale.
Tolto questo—l’esperienza e il potenziale sono le due cose che decideranno il risultato finale.
Per quanto riguarda l’esperienza, non posso far altro che riconoscere che lui è un passo avanti—o forse dovrei dire che non si tratta di un solo passo.
Mentre io ho solo letto un manuale di aikido giusto qualche minuto fa—
“Ah, al diavolo!”
Forse era per l’influenza che Kiss-Shot aveva su di me, ma mentre urlavo quelle parole vecchio stile che non avrei mai usato in vita mia—mi scagliai contro Dramaturgie.
“Credevo che avresti usato una qualche strategia—ma personalmente apprezzo questa semplicità di approccio.”
Mentre parlava—Dramaturgie rilasciò su di me un attacco pieno di quella semplicità appena citata.
Semplicità.
Si potrebbe dire che fosse persino lento.
Non importa quanto grande il pungo, quanto impressionante la velocità—se lo vedo tre volte, mi abituo. Beh, se fossi stato ancora un umano, sarebbe stato tutto completamente diverso, ma ora, con i miei occhi da vampiro—tre volte è più che sufficiente.
Guardando davanti a me.
Evitai quel pugno, guardando davanti a me—e poi, con un po’ di ritardo, afferrai il suo braccio che somigliava più che altro ad un tubo d’acciaio—anzi, andava oltre, sembrava un tronco.
Usai la forza del pugno del mio avversario.
Sfruttando l’impeto—mi lanciai in una tecnica di bloccaggio.
Aikido per Negati!
“(1) Afferra il braccio dell’avversario. (2) Tiralo dietro la schiena. (3) Tira con tutta la tua forza!”
Ora, per quanto possa essere una spiegazione per insegnare quella mossa ad un novizio, la scelta della parole era un po’ troppo approssimativa. Tuttavia, funzionò.
Un gigante che superava i due metri d’altezza, all’oscuro di ogni tecnica di atterraggio, cadde pesantemente, sbattendo la faccia, sul terriccio ben tenuto del campo sportivo.
No—l’avevo lanciato io.
E già che c’ero, immobilizzai Dramaturgie a terra con un ginocchio contro la sua schiena—tirando indietro del tutto la giuntura della spalla.
“C-Che te ne pare?”
“…Astuto,” disse Dramaturgie, con la faccia contro il terreno.
“Avrei di gran lunga preferito la semplicità—sembra che tu non abbia ancora perso il buon senso di quando eri un umano. Beh, è normale—posso capire, dato che anch’io una volta ero un umano.”
“………Cosa? Non dire cose senza senso e arrenditi! Se non lo farai, ti spezzerò il braccio e—!”
Aspetta, cosa stavo dicendo?
Anche se potevano suonare spaventose delle parole del genere dette da un tizio che ti prende alle spalle.
Anche se sembravano una sorta di frase ad effetto...
………….Buon senso di quando ero un umano?
Buon senso—come uno schema mentale?
“Ah…..”
Giusto—era proprio così.
Avevo usato una mossa di bloccaggio—e ora?
Cosa dovrei fare ora?
Dovevo rompergli il braccio, no?
Ma anche se gliel’avessi rotto—dato che il mio avversario era un vampiro, si sarebbe rimesso subito in sesto.
“Da-Dannaz—”
E nonostante tutto.
Quello di cui stava parlando Dramaturgie non si limitava a questo—anche se me ne fossi accorto prima, non penso che avrei potuto farci qualcosa, ma realizzai il vero significato dietro le sue parole dopo che le mie mani, che tenevano strette il suo braccio simile ad un tronco, vennero amputate, accompagnate dal suono di un taglio.
Erano state tagliate?
No, non era così—me le ero tagliate da solo.
Perché stavo stringendo il suo braccio che si era trasformato in una spada ondulata.
“Gh….ghaaah!”
Questa volta era chiaramente doloroso—un dolore fin troppo reale.
Un dolore acuto.
D’ora in poi sembra che potrò usare questa similitudine, sapendo com’è effettivamente questo dolore.
Istintivamente saltai indietro, creando della distanza dal corpo di Dramaturgie—le mie mani tagliate che erano cadute sul terreno, svanite.
Guardandomi, notai che erano già attaccate ai miei polsi.
Erano state ripristinate.
Cavoli, questo potere rigenerativo è fantastico…….l’avere delle nuove mani non mi dava una sensazione come quando si pensa alla coda delle lucertole—era più un semplice “ah, sono tornate”.
E la loro sparizione dopo il taglio……
Non è che fossero svanite, era più tipo come se fossero ‘evaporate’.
È proprio un sistema pratico e comodo.
Non è che posso lasciare le mie mani in mezzo al campo sportivo scolastico e andarmene!
Dramaturgie, prendendo tempo, o meglio, con un movimento che avrebbe potuto essere chiamato lento—si alzò.
Non poté fare a meno di prender tempo.
E il motivo era—che le sue mani si erano trasformate nelle due lame ondulate.
“…………..”
Il potere di cambiare forma!
Il potere di cambiare forma—dei vampiri!
Questo tizio—aveva trasformato una parte del suo corpo in armi!
Anche l’altro giorno era stato così!
Anche se era notte, no, proprio perché era notte, i miei occhi da vampiro l’avrebbero dovuto vedere—ma ragionavo ancora come un essere umano, ed è per questo che l’ho ritenuto impossibile!
Pensare che avesse rinunciato a portare le spade solo per cercare di persuadermi era stata un’illusione idilliaca.
Le due spade, fin dal principio—erano una cosa sola con Dramaturgie.
“……….Che succede? Ti stai già arrendendo?” disse Dramaturgie.
Anche se aveva il coltello dalla parte del manico, la sua espressione severa non cambiò di un centimetro—anzi, sembrava quasi che avesse levigato il suo viso con quell’espressione ancora di più.
Il nostro livello di esperienza—è troppo diverso.
Anche se siamo entrambi vampiri—non sono capace di fare quello che invece lui sa fare.
Spade di quelle dimensioni e di quella lunghezza…..anche se cercassi di affrontarlo in queste condizioni, penso che non sarei nemmeno in grado di avvicinarmi a lui. Anche in circostanze normali, la sua costituzione fisica è il doppio o il triplo della mia—
“Ti ho chiesto se ti stai già arrendendo. Non mi rispondi? Quello che hai appena fatto—è quello che in questa nazione chiamano ‘judo’?”
Era aikido.
Ma per quello che ne so, non posso esserne sicuro.
Il punto è che la mia tecnica era stata nient’altro che un colpo di fortuna—non solo mi sarebbe impossibile farlo una seconda volta, ma ho anche paura che se ci riprovassi in modo diverso, verrei bloccato….!
Dannazione, perché ero venuto lì a mani vuote?
Non credevo che fossero una parte del suo corpo, okay, ma sapevo che il mio avversario usava delle spade, quindi avrei dovuto pensarci che sarebbe stato meglio portare un’arma!
Se avessi almeno un cannone….diamine, sarebbe andata bene qualsiasi cosa, solo che non conosco dei fornitori di armi!
“…..Mh?”
No…..aspetta?
Non ho—un vantaggio?
Se è così—
“……………”
“Capisco. Ti arrendi—per me va bene, ma preparati. Finché la tua immortalità non finisce—o finché non urli di voler morire,  sminuzzerò e spezzerò il tuo corpo.”
Dramaturgie si mosse—mi mossi anch’io.
Però, io mi spostai all’indietro.
Ritirandomi—l’intenzione era quella di correre nella direzione opposta a quella di Dramaturgie.
“…! Stai scappando?” urlò Dramaturgie.
Tuttavia, il significato delle mie azioni non era la fuga e nemmeno la ritirata.
Era—un testardo allontanamento.
Un allontanamento per riuscire a piombargli da dietro.
Non è che io avessi un’idea chiara di quello che dovevo fare—è che… ‘oh, al diavolo’. Non ho tempo di esitare—è un po’ maldestro, ma è l’ultimo stratagemma che mi è rimasto.
Come mi aspettavo, per quanto riguardava la semplice azione del camminare, ero meglio di Dramaturgie. È una stima sommaria, ma Dramaturgie dovrebbe pesare più di 200 kg—ora che ha trasformato le braccia in due spade, potrebbe essere vicino ai 300 kg.
Non importa quanto siano veloci i suoi pugni.
Ciò non significa che possa muovere l’intero corpo alla stessa velocità.
Se così fosse, sarebbe il movimento di massa più strano al mondo.
Ovviamente può correre più veloce di un umano, ma con un peso medio di 55 kg, io non dovrei perdere contro Dramaturgie—farò buon uso di questo vantaggio!
Appurato ciò, non mi sto ritirando.
Non sto scappando a casaccio.
Avevo in mente una destinazione ben specifica—un ‘vantaggio territoriale’.
Anche se non ho mai frequentato assiduamente, ho passato due anni in questa scuola—so almeno dove si trova il magazzino degli attrezzi da ginnastica.
Raggiunta una buona distanza da Dramaturgie che mi inseguiva, riuscii a raggiungere il magazzino—e aprii la porta di ferro abbattendola con un calcio. Doveva essere chiusa a chiave e, anche se non lo fosse stata, non avevo tempo di aprire i catenacci uno per uno.
E poi—bingo! Le mie aspettative furono soddisfatte.
Esatto.
Nella mia scuola, durante ginnastica, si gioca anche a baseball—!
Afferrai una palla dalla cesta.
E poi mi ricordai.
Il contenuto del libro sul baseball, comprato insieme al manuale di aikido—!
Sono contento che, dopo aver finito di leggere il manuale di aikido, siccome avevo ancora del tempo a disposizione, mi ero messo a leggerlo—sarebbe stato un disastro se per caso mi fossi messo a leggere quello sulla musica classica!
“(1) Tenete la palla in alto; (2) Spostate la forza dalla parte inferiore del corpo alla parte superiore; (3) Oscillate il braccio verso il basso!”
Nondimeno, come pensavo, anche qui i contenuti sono un po’ troppo approssimativi per un principiante.
Sembra che scegliere libri di spiegazioni non sia il mio forte.
Comunque—la palla volò lo stesso in una linea dritta verso Dramaturgie.
Per un ragazzo come me che non ha alcuna passata esperienza sul campo da baseball, ovviamente era la prima volta che lanciavo una palla in quel modo (sfortunatamente il baseball, durante le lezioni di ginnastica, era un’attività a scelta libera. Personalmente io avevo sempre scelto il calcio) e, tenendo presente la tecnica di aikido di poco prima, deduco di avere la cosiddetta fortuna del principiante—perché la palla colpì Dramaturgie all’altezza di un polmone.
“Gwah…….”
Dramaturgie, che mi stava caricando come una macchina in corsa, si fermò—si accovacciò sul posto.
La palla rotolò lì vicino—come pensavo, sembra che anche i vampiri abbiano organi interni che funzionano come organi interni, perciò la sua respirazione fu messa in difficoltà. Ripensandoci, se colpisci il cuore con un paletto, un vampiro muore—quindi è naturale che anche i polmoni funzionino.
Se le cose stanno così, anche un attacco agli organi di senso dovrebbe funzionare.
È immortale, ma ci si può lavorare.
E va bene, quindi—presi un’altra palla.
La cesta era piena da far schifo di palle.
Però, anche la mia mira faceva schifo.
La mia fortuna del principiante sembrava essersi esaurita, dato che lanciai altre cinque palle consecutivamente e nessuna di queste sfiorò l’immobile Dramaturgie.
Davvero, stavo solo lasciando buche nel terreno vicino a lui.
Sono così profonde che probabilmente dopo dovrò livellare il terreno con il rullo usato dal club di baseball o una cosa del genere. Comunque, se non riesco a colpirlo con lanci così forti, non c’è motivo di continuare.
Ma è un bersaglio così…enorme!
Di questo passo non sarò mai degno di salire sulla collinetta del lanciatore nella Major League.
Scalare l’Everest sembra decisamente più semplice.
“….Sei davvero un uomo dotato di astuzia e franchezza.”
Mentre parlava, Dramaturgie si alzò.
E poi, di nuovo—si lanciò contro di me.
“Ma nonostante questo—è una tecnica che non puoi utilizzare più di una volta!”
“………….!”
In questo momento, la distanza tra Dramaturgie e me è di circa 25 metri—più o meno? Con le gambe che si ritrova…….può accorciarla a 0 in tre secondi!
Se dovesse succedere, entrare nel magazzino di educazione fisica si rivelerebbe una mossa infelice….anche se volessi scappare, non ci sarebbe nessun posto verso cui farlo!
Ero disperato.
Essendomi già arreso per metà, tirai quella che poteva essere la mia ultima palla—
“Ah! Anche se una palla così leggera dovesse colpirmi, non mi fermerai—dovrebbe essere ovvio fin qui!”
Mentre stava parlando, caricandomi come un toro—la palla gli esplose in faccia.
E quindi la palla fermò Dramaturgie.
Non che la sua precedente constatazione fosse errata.
Non avrebbe dovuto ritirare ciò che aveva detto.
L’ultima palla.
La palla che avevo tirato—non era una palla “leggera”.
Era una palla pesante.
O sarebbe meglio dire, era una pallottola.
Si trattava della sfera di ferro usata per il lancio del peso.
“………………..”
Chi diavolo era stato a mettere un peso nella cesta delle palle da baseball?
Come ci si potrebbe immaginare, questa sì che lo aveva danneggiato—Dramaturgie si coprì la bocca con entrambe le spade e gemette.
…..La rigenerazione era lenta?
Se pensiamo alle ferite dei vampiri, il mio braccio sinistro ed entrambi i miei polsi erano guariti all’istante, no?
È perché questo era una specie di proiettile?
No, tanto per cominciare, perché il mio lancio lo aveva colpito?—se ricordo bene, mi era sembrato fin troppo lineare per me—o meglio, io non potevo lanciare un colpo così perfetto, no?
Perciò, qual è il motivo per cui—aspetta, ci sono, è per via del peso!
Avrei potuto rendermene conto quando avevo calciato la porta di ferro.
Diventando un vampiro—la mia forza fisica era aumentata.
Per l’Araragi di adesso, una normale palla da baseball è troppo morbida—e troppo leggera. Quindi, escludendo il primo lancio guidato dalla fortuna del principiante, il controllo che cercavo di avere sulla palla era sbilanciato.
Qualcosa tipo un proiettile sarebbe andato bene—no.
Persino un proiettile sarebbe stato troppo leggero.
Allora—
“Ora vedrai!”
Prima che Dramaturgie rialzi il volto.
Riesco a tirare fuori dall’interno del magazzino—il rullo di cemento, quello usato per livellare il terreno.
È quello usato dal club di baseball.
Tenendolo con una mano, lo alzo…e in modo maestoso lo tengo in alto.
“Se non riesco a colpire nemmeno un bersaglio enorme…non mi resta che usare una palla più grande!”
E poi spostai il peso del mio corpo nella parte inferiore, in modo da avere più forza in quella superiore e—
Oscillai verso il basso il braccio!
“……………!”
Ero sul punto di lanciare.
Dramaturgie, sebbene non fosse ancora stato colpito, si accovacciò sul posto rannicchiandosi—vidi le sue braccia a forma di lama puntate verso l’alto. Bloccai il lancio all’ultimo minuto e mollai il rullo sul terreno.
Fece un buco pazzesco.
Stavo per spappolarmi le dita dei piedi……
“Che posizione è? Dramaturgie.”
“È quello che sembra. Mi arrendo.”
Senza lasciare che la sua austera espressione si sgretolasse di un centimetro—con lo stesso tono di voce usato fino a quel momento, Dramaturgie disse proprio così.
“Venire colpito da quell’affare con la tua forza…è una cosa che non posso sopportare—ci metterei due giorni per recuperare le forze.”
“Eh….?”
“Sembra che tu abbia frainteso—i vampiri non rigenerano le proprie ferite in un istante. Beh, tra le altre cose, la mia stirpe ha come punto debole la rigenerazione—comunque, anche se le cose stanno così, la tua di stirpe è un’eccezione. Dev’essere perché tu sei il subordinato di Heart-Under-Blade.”
È…….è davvero così?
Tuttavia, senza lasciarmi abbindolare dalle parole di Dramaturgie, non abbassai la guardia. Allungai subito la mano, silenziosamente, verso il rullo conficcato nel terreno.
“Non te l’avevo detto? Tu sei il numero uno.”
“……….”
“Anche se potevo perdere per via del tuo potenziale, pensavo di poter vincere in qualche modo grazie all’esperienza—ma sembra che sia impossibile. Non posso sconfiggerti.”
“I----Impossibile.”
Anche se sono decisamente in svantaggio per quanto riguarda il fattore esperienza—ho il coltello dalla parte del manico grazie al mio potenziale.
Non ne ero affatto conscio—e anche adesso ancora non riesco a crederci.
“Forse preferisci che io metta subito le cose in chiaro? Non ti attaccherò mai più. Solo, risparmiami la vita.”
Dramaturgie disse così, senza accennare un sorriso. Il danno causato dal lancio di prima dava l’impressione di essere guarito—ma lui non sembrava ancora pronto per combattere.
Abbandonare la partita qui—è davvero un professionista.
E professionale.
Mentre eravamo ancora tutti e due in buone condizioni—
“….La gamba destra di Kiss-Shot. Me la darai.”
“Ok.”
Dramaturgie annuì e poi—
Trasformò le due lame in modo che assumessero le sembianze di braccia normali.
“Ora è nascosta in un certo luogo—ma la consegnerò a quell’uomo dalla lingua tagliente immediatamente. A te sta bene così?”
“….Sì.”
“Quindi siamo d’accordo.”
Aveva appena finito di parlare, quando—all’improvviso la sua figura comincio a sfumare.
Pensai che fosse un’illusione ottica, ma non lo era.
Anche se gli occhi di un vampiro potessero essere ingannati, non si trattava di un’illusione ottica.
Il suo corpo si stava mescolando all’oscurità.
Il potere di cambiare forma.
Può cambiare il suo corpo in nebbia—e in questo modo…
Dramaturgie scomparì—tuttavia, quando la sua figura fu svanita del tutto—la sua voce solamente risuonò nel campo.
“Subordinato di Heart-Under-Blade.”
“……Cosa c’è?”
Risposi all’oscurità.
“Te lo chiederò un’altra volta. Ti va di diventare un nostro compagno?”
“Assolutamente no,” dissi chiaramente.
Non importava quante volte me l’avrebbe chiesto, la risposta non sarebbe cambiata.
“Non ci vedo nulla di bello in una cosa del genere.”
“……….”
“Una Gakuen Inou Battle è più che sufficiente.”
Non ottenni risposta.
Sembrava che avesse finito di immergersi nell’oscurità.
Quel tipo manterrà la sua promessa?
Diventai un po’ ansioso, ma poi cambiai idea e decisi di credere che sarebbe andato tutto bene. Perché Oshino l’avrebbe fatta filare liscia.
Comunque, anche senza di lui, ho come la sensazione che Dramaturgie il vampiro manterrà sicuramente la sua promessa.
Chiaro e semplice.
Un vampiro che un tempo era umano, eh?
Se possibile, avrei voluto chiedergli più dettagli a riguardo—ci avevo pensato, ma sarebbe stato assurdo farlo in quella sede.
Semplicemente, io e lui eravamo diversi.
Loro avevano cercato di esorcizzare me e Kiss-Shot—e noi invece volevamo recuperare gli arti da quei tre.
Ecco il motivo.
“….E comunque, gamba destra PRESA!”
E con questo, siamo ad un quarto.
Guardando l’orologio, mi accorsi che erano passati solo pochi minuti, eppure mi sentivo come se avessi vissuto cinque volte—non importava che il mio corpo fosse immortale, era stata dura.
Ma anche se era stata dura—comunque mancavano ancora i tre quarti.
Beh, sarà meglio andare a mettere in ordine…..
Oltre al potere rigenerativo, non sentivo alcuna spossatezza fisica, ma mentalmente ero straordinariamente distrutto. Misi in ordine le palle e livellai il terreno….ma cos’avrei fatto con la porta del magazzino?
L’avevo buttata giù con un calcio.
….Beh, non posso farci nulla.
La posizionai in modo che coprisse l’entrata.
“Vediamo….beh, ho raccolto tutte le palle sparpagliate, giusto?”
Successe quando sollevai il viso.
Non c’è bisogno di ripeterlo, è stato grazie alla vista da vampiro—notai che molto lontano dal magazzino c’era qualcuno che si stava nascondendo dietro l’edificio scolastico dall’altra parte del campo sportivo.
Qualcuno—ma chi?
Non è Dramaturgie….non mi dire che è uno degli altri due?!
Episode o Guillotinecutter?
Non può essere…Dovrei affrontarli più tardi, non ora! Allora…forse è Oshino?
Anche se dice di essere neutrale, la verità è che in segreto veglia su di me—proprio come il mentore del protagonista di uno shounen manga!
Non ricordo mi avessi preso come tuo discepolo, maestro!
Però, mi rende un po’ felice—un attimo.
Ho frainteso molte cose in vita mia e infatti quel qualcuno non è nemmeno Oshino. Per vedere meglio l’ombra che si nascondeva, cambiai la mia visuale avvicinandomi di dieci passi. I miei occhi alla fine misero a fuoco la figura.
Fissai silenziosamente il paio di pupille là in fondo.
Era Tsubasa Hanekawa.
“…………….Eh?”
Eeehhh?
Perché—è qui?
Non dirmi che mi ha seguito?
Avevo lasciato tracce?
Anche se l’avevo cacciata via in modo così brusco…..
Ero confuso, incapace di fare qualsiasi cosa, me ne restavo lì come un oggetto d’arredamento4, quindi—immaginando che l’avessi notata anche a quella distanza, Hanekawa si incamminò verso di me.
Con passo svelto.
Credo che riuscissi a sentire addirittura il suono dei suoi passi.
Urgh…….
È il triplo più spaventosa di Dramaturgie.
Perché una ragazza può risultare così spaventosa…è perché è Hanekawa?
Una studentessa modello—la rappresentate di classe migliore di tutti, Tsubasa Hanekawa.
“Cos’era quello?”
Pronunciò quelle parole all’improvviso.
Il suo sguardo mi stava dicendo che non mi era permesso usare lo stratagemma che avevo escogitato prima che Hanekawa si avvicinasse, ossia ‘fai il finto tonto’.
Ero stato visto…….
Lei aveva visto……..ogni cosa.
Cioè, anche se avesse visto solo l’ultimo minuto, si trattava comunque di una cosa fuori dal comune….avevo sollevato un rullo con una sola mano.
“Dopo quella tua scenata, mi sono messa a cercarti. Per un momento ti ho anche perso di vista, però questa borsina era abbandonata davanti al cancello scolastico.”
Mentre parlava, mi aveva mostrato la borsa nella sua mano destra, che avevo lasciato senza ombra di dubbio al cancello scolastico e che conteneva il manuale di aikido, il testo sul baseball e quello sulla musica classica.
“Non ero sicura che fossi all’interno della scuola, perché il che avrebbe significato che avevi scavalcato il cancello.”
“………”
Sebbene fosse una studentessa modello, era fin troppo aggressiva.
Comunque—era stato un errore lasciare i libri fuori dal cancello. Non riesco a capacitarmi del fatto che per quei giornali sia successo tutto questo, anche se non avrei mai potuto prevederlo…….
“Dimmi, Araragi-kun—a causa della distanza non sono riuscita a vedere bene, ma……come dire, non hai fatto delle cose che sembrano uscite da un libro di fantasia?”
“…….Non sono affari tuoi,” dissi con tutta la convinzione che riuscii a racimolare.
Dannazione.
Ero riuscito a recuperare la gamba di Kiss-Shot e con quello pensavo di aver risolto uno dei tanti problemi che mi preoccupavano, mi ero sentito momentaneamente sollevato—eppure.
Eppure dovevo ferire ancora i sentimenti di Hanekawa.
“Piuttosto, perché mi stai seguendo? Non capisco. Ti avevo detto di non seguirmi—non rompere comportandoti come se fossi un’amica.”
“……..Araragi-kun, non sei una persona che direbbe cose del genere.”
Gli occhi di Hanekawa—erano davvero spaventosi.
Non sono freddi come quelli di Kiss-Shot—se devo proprio dirlo, sono occhi indagatori.
Sono penetranti, perspicaci—questo tipo di occhi, insomma.
Ti rendono consapevole della tua bassezza, anche in modi piuttosto scortesi—proprio questo tipo di occhi.
“Mi dispiace per averti fatto dire queste cose—ma ora come ora la verità è che ti trovi in una situazione in cui sei obbligato a dire cose contro la tua volontà, giusto?”
Hanekawa—mi porse il sacchetto che teneva ancora nella mano destra.
Lo presi.
Se fosse venuta fin lì semplicemente per consegnarmi un oggetto smarrito—quello scambio avrebbe messo fine alla conversazione.
“Ci ho messo un po’ a capirlo, scusa,” eppure lei continuò così.
“Se le cose stanno così, vorrei esserti d’aiuto.”
“…..Non essere così invadente,” dissi con una nota di tensione nella voce.
“Non cercare altri significati. Ero solo annoiato, tanto per cominciare. Mi piace stare da solo.”
“Stai mentendo. Non sei misantropo o arrabbiato col mondo, fin qui ci arrivo. O almeno, sembravi rilassato quando parlavi con me, Araragi-kun.”
“Questo perché avevo preso di mira il tuo porco!”
“Ma la mia famiglia non possiede una fattoria!”
Mi morsi la lingua.
“Intendevo dire che avevo preso di mira il tuo corpo, porc--!”
“Il porco o il corpo, quale dei due?!”
“Il corpo!” 5
Urlai.
Non so nemmeno più cosa sto dicendo.
“Ed ecco perché se mi mostrerai le tue mutandine un’altra volta, farò la pace con te!”
“D’accordo.”
A tal proposito—Hanekawa era estremamente calma.
Non un’ombra le attraversò il volto, non batté ciglio.
Con un movimento fluido e spontaneo sollevò la gonna dell’uniforme.
E quindi espose al mio sguardo la sua biancheria.
Erano mutandine grigio scuro di feltro.
Non avevano alcun disegno o ornamento particolare, ma proprio per questo risvegliavano tutto il gusto proibito insito nella sua materia prima.
“Soddisfatto? Riesci a vederle bene?”
“………..”
“Se ti va, posso togliermi anche la camicetta.”
Hanekawa—
Con la gonna tirata su a quel modo, disse quelle parole.
Ah!
Quella volta—per la prima volta.
Alla fine mi sentii come se avessi incontrato la vera Hanekawa.
Senza perderci di vista—ci incontrammo faccia a faccia.
Sì.
È una brava persona, ma—non è solo questo.
È anche forte.
Persone come me—non sono nulla in confronto a lei.
“……………Per favore, perdonami per aver detto cose crudeli.”
Io—mi inchinai più che potei, abbassando la testa.
Hanekawa era ancora lì con la gonna tirata su, ma ovviamente non mi ero piegato perché volevo vedere meglio lì sotto.
Era per scusarmi.
E anche per farle una richiesta.

“Per favore, sii mia amica.”


Note:
1) Sangue finto: Araragi fraintende quello che Oshino gli ha appena detto per un motivo ben preciso. "Sangue finto" in giapponese si dice ちのり [chinori], mentre "vantaggio del terreno" 地の利 [chi no ri]. In italiano il gioco di parole si perde del tutto, ma non sapevo proprio come mantenerlo.
2) School Psychic Battle: o anche detto ねらわれた学園, è un romanzo, ne avevamo già parlato. Più in grande, indica un genere particolare e ben definito di romanzi, quello in cui battaglie violente tra possessori di superpoteri, spesso studenti, hanno luogo tra gli edifici scolastici.
3) Salto all'indietro: non so bene come si traduca in italiano 'backflip', ma ad ogni modo è questo salto qui.
4) Oggetto d'arredamento: in giapponese è 'okimono'. L'okimono non è propriamente un oggetto d'arredamento, però non è neppure una statua. Perché le statue (spesso) si notano, gli oggetti d'arredamento (spesso) no. L'okimono è una via di mezzo, è un statuetta giapponese puramente decorativa, ma allo stesso tempo quasi sacra, dato che a volte viene messa anche nei templi buddisti, oltre che nelle case normali. Il tutto per dire che Araragi era immobile. Grazie Nisio.
5) Il corpo o il porco?: altro gioco di parole in giapponese che ho cercato di trasporre in italiano, anche se il risultato è piuttosto imbarazzante, direi. Inizialmente Araragi (che è un po' dislessico, evidentemente) dice di aver preso di mira il "Dakara" di Hanekawa, che è una marca di acqua minerale, al che la povera ragazza, confusa, risponde dicendo "Se avevi tanta sete, bastava dirlo!". Araragi allora, preso dai sudori freddi, dice "dakara [...] karada": dakara si può tradurre come "ma no, non intendevo quello", mentre karada è il corpo umano. Hanekawa allora ancora più confusa chiede "Ma il corpo o l'acqua?!". L'ho tradotto con 'porco' [ANCHE SE MI FA SCHIFO EW] perché nella seconda frase di Araragi si poteva usare come interiezione (come in giapponese). Sigh. Se vi dovesse venire in mente un gioco di parole migliore, non esitate a contattarmi. Grazie Nisio - parte seconda.

9 commenti:

  1. Risposte
    1. Bello, vero? ;) Questo capitolo mi piace tanto.

      Elimina
  2. Si e' molto bello ma non lo sarebbe stato se la traduzione non fosse stata impeccabile. Come sempre bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie y_y comunque i prossimi due capitoli sono abbastanza brevi (sono lunghi la metà di questo), quindi dovrei tradurli entrambi prima di maggio e dell'inizio degli esami universitari!

      Elimina
  3. Chiedo il permesso per postare le vostre novel sul nostro forum i diritti della traduzione saranno vostri e i link porteranno al vostro sito. Se volete lamentarvi o volete che i vostri link vengano tolti vi basterà contattarmi o rivolgersi ad un moderatore della sezione(al momento sono l’unico poiche è una sezione nuova). Cordiali saluti da parte di andrea0258 e dallo staff del forum AnimeDreamland.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, per me va bene! Ho visto che con Danganronpa IF avete messo i link che portavano ai capitoli sul sito dei traduttori, quindi se avete intenzione di fare così anche con Kizumonogatari non ci sono problemi. Fammi sapere :)

      Elimina
    2. Nessun problema anche con No.6?

      Elimina